Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
consolato_toronto

Acquisto della cittadinanza per matrimonio/unione civile - Art. 5 Legge n. 91/1992

 

Acquisto della cittadinanza per matrimonio/unione civile - Art. 5 Legge n. 91/1992

Le domande di acquisto di cittadinanza per matrimonio/unione civile devono essere presentate direttamente dagli interessati online attraverso il portale del Ministero dell’Interno.

Prima dell'inserimento della domanda nel portale del Ministero dell'Interno, il richiedente dovrà fissare un appuntamento con questo Consolato (all'indirizzo email: ancip.toronto@esteri.it ) per la verifica della documentazione ed il pagamento delle dovute percezioni consolari.

Le suddette regole non riguardano l’acquisto automatico della cittadinanza italiana nei casi di matrimonio con cittadino italiano avvenuto prima del 27 aprile 1983. Questa è una casistica diversa per la quale si deve prendere appuntamento tramite il sistema di prenotazione on line.

CHI PUÒ PRESENTARE LA DOMANDA

Il coniuge straniero (uomo o donna) di cittadino italiano che desideri acquistare la cittadinanza italiana può farne richiesta se sussistono le seguenti condizioni:

1) è residente presso questa circoscrizione consolare;

2) sono trascorsi 3 anni dalla data del matrimonio (tale periodo è ridotto a diciotto mesi in presenza di figli, anche adottati). Si ricorda che il vincolo del matrimonio/unione civile deve permanere fino al momento del giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana, che avviene di norma dopo un periodo di tempo di 2/3 anni dopo la presentazione della domanda.

COME PROCEDERE?

1)  Una volta raccolta e predisposta la documentazione sotto elencata, contattare il consolato al seguente indirizzo email: ancip.toronto@esteri.it , indicando nell'oggetto "appuntamento cittadinanza italiana per matrimonio, per la verifica della documentazione ed il pagamento delle dovute percezioni consolari".


2)  Registrarsi al portale del Ministero dell’Interno.
Dopo aver effettuato la registrazione il richiedente dovrà accedere al portale mediante le credenziali ricevute a seguito della registrazione stessa. Si precisa che nel modulo di registrazione vanno inseriti i dati anagrafici (cognome/nome/data di nascita) presenti nel certificato di nascita (N.B: inserire il cognome da nubile/celibe). In caso di errato inserimento dei dati anagrafici sarà necessario procedere alla cancellazione della registrazione al portale, dopo aver effettuato l’accesso utilizzando la funzione del menù “cancella la registrazione al portale”, ed effettuare successivamente una nuova registrazione.

3)  allegare la seguente documentazione:

• PASSAPORTO (Se il richiedente non è canadese occorre anche includere il permesso di studio/lavoro o la permanent resident card)

• ESTRATTO PER RIASSUNTO DELL'ATTO DI MATRIMONIO/UNIONE CIVILE rilasciato dal Comune in Italia dove il matrimonio/unione civile è stato registrato. Modulo per richiederlo al comune.

• ATTO DI NASCITA INTEGRALE (Certified Copy of Registration of Birth). Per i certificati emessi in Ontario, Manitoba e i Territori del Nord Ovest il richiedente dovrà provvedere alla traduzione in italiano tramite uno dei traduttori di riferimento di questo Consolato Generale. Per la traduzione e la legalizzazione di certificati emessi altrove è necessario rivolgersi al Consolato italiano o all'Ambasciata del Paese dove il certificato è stato rilasciato (cerca qui).

• CERTIFICATO DEL CASELLARIO GIUDIZIALE del Paese di origine e degli altri Paesi dove il richiedente abbia eventualmente risieduto a partire dall'età di 14 anni. Tali certificati devono essere tradotti in italiano e legalizzati dal Consolato o Ambasciata italiana del Paese che li ha emessi.
N.B. È opportuno richiedere il certificato sia con il cognome da nubile/celibe che con quello da coniugata/unito civilmente.

Il certificato penale ha per la legge italiana validità di sei mesi dalla data di rilascio.

Il Certificato Penale canadese è rilasciato dalla Royal Canadian Mounted Police Headquarters in Ottawa:

1) Il certificato da richiedere è il “Certified criminal record check with fingerprints”, che dovrà contenere anche le impronte digitali del richiedente.

2) Il certificato originale andrà successivamente inviato al Global Affairs Canada per la legalizzazione.

3) Il documento ricevuto dal Ministero degli Affari Esteri canadese andrà infine tradotto in Italiano da uno dei traduttori di riferimento di questo Consolato Generale.

• DICHIARAZIONE GIURATA DEL RICHIEDENTE redatta in italiano o tradotta in italiano e sottoscritta dinanzi a un avvocato/notaio pubblico, la cui firma è depositata presso questo Consolato Generale, in cui il richiedente:

a) elenchi i familiari conviventi compresi i figli (anche adottati) con indicazione del loro luogo e data di nascita,

b) indichi il suo indirizzo attuale e tutti quelli precedenti dall'età di 14 anni.

N.B. La dichiarazione giurata resa dal richiedente deve sempre essere effettuata riportando il cognome da nubile/celibe (eventualmente unitamente a quello da coniugata/unito civilmente). La dichiarazione giurata ha la validità di sei mesi dalla data di rilascio.

• RICEVUTA del versamento di EURO 200,00 da effettuare come di seguito indicato:

Bonifico bancario di Euro 200, al netto di spese di invio o intermediazione, sul conto in essere presso l'Istituto di credito “Poste Italiane” Viale Europa 175 – Roma - Conto n. IT54D0760103200000000809020 a favore del Ministero dell'Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione CITTADINANZA – Piazza del Viminale 1 – 00184 ROMA.
La causale del versamento deve indicare il nome e cognome del richiedente (indicare sempre il cognome da nubile/celibe).

Il codice SWIFT per i versamenti tramite bonifici esteri è: BPPIITRRXXX (al riguardo si precisa che in caso di difficoltà da parte degli Istituti bancari a riconoscere le tre X finali del codice, le stesse possono essere omesse in quanto servono solo a indentificare le filiali, mentre in questo caso si tratta di sede centrale).

CI SONO ALTRI COSTI?

Quando il richiedente verrà convocato per consegnare la documentazione in originale dovrà pagare in CAD contanti la percezione consolare prevista per l'autenticazione e legalizzazione di alcuni documenti.

DOCUMENTI CON ERRORI

Si prega di controllare attentamente i documenti in ogni loro dettaglio per evitare discordanze nei dati anagrafici.
Se al momento della ricezione on-line dell'istanza, la documentazione è irregolare, incompleta o con evidenti errori e/o discrepanze nei dettagli anagrafici, l'Autorità consolare inviterà l'interessato a regolarizzarla fissando un termine per provvedere all’integrazione. Se l'interessato non provvederà nei termini richiesti, l'Autorità consolare può dichiarare la domanda inammissibile.

 

Aggiornato al 27/01/2016


108